ISSN 2724-1106

Professoressa Teresa Arruda

La professoressa avvocato Teresa Arruda Alvim si è laureata presso l’università cattolica di San Paolo, e ha vinto tutti i premi del corso di diritto dal 1976 al 1980:
Professor José Frederico Marques, come 2.ª miglior allieva di Diritto Processuale Civile della Facoltà Paulista di Diritto, nel 1976; Professor Cássio Mesquita Barros come miglior allieva di Diritto del Lavoro della Facoltà Paulista di Diritto, nel 1977;
Professor Agostinho Alvim come miglior allieva di Diritto Civile della Facoltà Paulista di Diritto, nel 1978;

Professor Antônio de Queiroz Filho come miglior allieva di Diritto Penale della Facoltà Paulista di Diritto, nel 1979;

Miglior allieva della Facoltà di Diritto, al 1.º posto, della Pontificia Università Cattolica di San Paolo, nel 1980.

Nella sua vita professionale, ha poi vinto altri premi, tra i quali si distinguono:

la Medaglia al Merito della Scuola della Magistratura dello Stato di Rio de Janeiro, nel 2022;

si è collocata al 2º posto nella categoria “Brasil Regional” (Stato del Paraná) per la Chambers and Partners, nel 2022;

la Medaglia Ada Pellegrini Grinover, concessa dall’Instituto Brasileiro de Direito Processual, nel 2021;

Encomio dell’Ordine Municipale della Luz dos Pinhais, concessa dal Comune di Curitiba, nel 2021;

due Menzioni Onorevoli dell’Assemblea Legislativa dello Stato del Paraná, nel 2015 e 2017;

Encomio del Merito Legislativo, assegnato dal Consiglio Direttivo dell’Assemblea Legislativa dello Stato Estado di Mato Grosso del Sul, nel 2016;

Who’s Who in The World, Trentatreesima Edizione, The Marquis Who’s Who Publications Board, nel 2016;

le è stato reso Omaggio da parte del Consiglio Federale dell’Ordine degli Avvocati del Brasile, per i servizi prestati alla Cittadinanza e all’Avvocatura, in special modo nell’elaborazione del nuovo Codice di Processo Civile del 2015;

ha ricevuto per due volte il Prêmio Jabuti, al terzo posto, nella categoria miglior libro di Diritto, per le opere “Processo e Constituição: estudos em homenagem ao Professor José Carlos Barbosa Moreira”, nel 2007; “Reforma do Judiciário: primeiras reflexões sobre a Emenda Constitucional n. 45/2004”, nel 2006, concesso dalla “Câmara Brasileira do Livro”;

Miglior allieva del Brasile nel corso di lingua e letteratura francese, Aliança Francesa, presso l’Université de Nancy II, in São Paulo, nel 1982.

Ha difeso la sua dissertazione di Master nel 1985, con il tema: “Das nulidades das sentenças de mérito típicas no direito”. Ha difeso la sua tesi di dottorato nel 1990, con il tema “O agravo de instrumento do código de processo civil brasileiro”.

Nel 2004, ha difeso la libera-docenza con il tema: “Omissão judicial e embargos de declaração”.

È stata professoressa invitata all’università di Cambridge, Inghilterra e all’università di Lisbona, Portogallo.

È membro di diverse associazioni, tra cui: Instituto Brasileiro de Direito Processual; International Association of Procedural Law; Associazione italiana fra gli studiosi del processo civile; Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna; Instituto Ibero-americano de Direito Processual; Instituto Panamericano de Derecho Procesal; Instituto Português de Processo Civil; Conselho de Assessores Internacionais do Instituto de Derecho Procesal y Practica Forense de la Asociación Argentina de Justicia Constitucional. È stata nominata, nel 2009, relatrice della commissione elaboratice del disegno di legge, trasformatosi, poi, nel Codice di de Processo Civile del 2015, in vigore dal 2016. In seguito, è stata nominata relatrice del disegno di legge sul Processo Collettivo, nominata nel 2019, dal Conselho Nacional de Justiça.

Il disegno di legge è in svolgimento al parlamento sotto il numero 4778/20. Coordina la Revista de Processo, la più tradizionale rivista giuridica brasiliana, fondata nel 1974 e pubblicata dall’Editrice “Revista dos Tribunais”, attualmente integrante del gruppo Thomson Reuters.

È autrice di diversi “papers”, articoli e libri, pubblicati in Brasile e all’estero.